/0320
Pola 9/11

L’edificio sito a Milano in Via Pola 9-11 è di proprietà del Fondo Value Add I Italy,  gestito da Kryalos SGR SpA.

Il complesso immobiliare di 20.000 mq. è ubicato in una zona di grande appeal per gli investimenti immobiliari: dietro il grattacielo Pirelli e a qualche centinaia di metri dallo skyline di Porta Nuova e Garibaldi.

Il civico 11 di circa 8.000 mq. è occupato dal nuovo business center targato “Spaces” (società del gruppo IWG leader mondiale per la fornitura di spazi di lavoro flessibile, presente in Italia con i brand Regus e Spaces), mentre il numero 9 di circa 12.000 mq. è interamente locato ad uso uffici a primarie società internazionali.

Parte della filosofia architettonica di GBPA ARCHITECTS è incentrata sulla ricerca formale, funzionale e tipologica di una progettualità che può evolvere nel futuro in base ai cambiamenti pratici e di necessità. L’intervento di riqualificazione permette di abbinare questo tipo di ricerca ad un’interpretazione di tipo storico, creando un fil rouge architettonico tra il passato e il futuro.

Il progetto si fonda su alcuni concetti-chiave che tengono conto di queste importanti considerazioni e che hanno determinato il successo dell’operazione immobiliare, dando nuova vita ad un edificio del 1970 che adesso si pone in linea con le nuove realizzazioni di Porta Nuova.

Di particolare rilievo l’intervento sulla facciata di Via Pola caratterizzata da un’architettura iconica e dal forte impatto estetico.

Il disegno è caratterizzato dai mutevoli orientamenti delle vetrate che creano una “plissettatura” che connota, differenza e conferisce all’immobile un aspetto dinamico. La scelta della cromia bianca delle facciate dona unicità all’edificio. La facciata è infatti caratterizzata da frangisole orizzontali e verticali in alluminio verniciato bianco, che ne articolano lo sviluppo, incorniciando i vari fronti.

La rifunzionalizzazione dell’edificio inoltre è passata attraverso la particolare cura dalla definizione dello spazio finalizzato ad una nuova grande hall di ingresso a doppia altezza, al riposizionamento dei sistemi di risalita, dal recupero delle  terrazze in precedenza occupate dalle vecchie dotazioni impiantistiche e infine alla sistemazione delle aree esterne.

 

 

SITO

Milano | Italia

DATA

2017 - 2019

SUPERFICIE

20.000 MQ

CLIENTE

KRYALOS SGR SPA per conto di Fondo Value Add I Italy

PROJECT MANAGEMENT

Artelia Italia SPA

TIPO DI LAVORO

Concept, Progettazione integrata (preliminare, definitiva, esecutiva), Direzione lavori, Pratiche amministrative, VVF, Gestione Sicurezza, Collaudi finali, Coordinamento, Certificazione LEED

PARTNERS-IN-CHARGE

Antonio Gioli, Federica De Leva

TEAM DI PROGETTO

Andrea Trucillo, Giovanni Amosi, Nicola Borsato, Chiara Tesoro, Francesca Bettetini, Denis Zuffellato, Milica Cudic

Progetto impianti meccanici ed elettrici, Direzione lavori

ESA Engineering srl

Progetto strutture

Studio Enrico Cobianchi

Certificazione LEED

RISE srl

Computi e Gestione Sicurezza

GAD srl

Progetto facciate

Eurodesign sas di Adriano Crotti

CREDITI

Impresa costruzioni

SERCOS Spa

Crediti fotografici e video

Mondadori Portfolio

Un’architettura iconica e dal forte impatto estetico

Riqualificato per renderlo nuovamente efficiente, all’altezza dei più elevati standard architettonici richiesti dal mercato
contemporaneo e presenti negli interventi realizzati a ridosso dell’area.

 

L’edificio ha stato ripensato complessivamente e profondamente, interpretandolo in chiave sostenibile con un duplice obiettivo: dargli dignità architettonica e una grande riconoscibilità in relazione al contesto in cui nasce e ottenere una gran efficienza, per rafforzare l’idea della nuova Milano Green, attenta all’ambiente e al benessere dei suoi abitanti.

Riconoscibilità e sostenibilità

Maggiore trasparenza, un nuovo rapporto fra interno ed esterno

Le facciate sono state progettate con diversi sistemi di schermatura solare in base all’irraggiamento solare.
Verso nord sono ampie e trasparenti, mentre verso sud, il fronte maggiormente esposto, sono caratterizzate da un sistema di frangisole verticale molto fitto che garantisce un controllo senza interrompere il rapporto visivo fra interno ed esterno.

Ingresso centralizzato

Modificando il filo facciata attraverso un lavoro di sottrazione della superficie relativa alla parte basamentale dell’edificio, il progetto prevede una radicale riorganizzazione del sistema di ingresso centralizzato in un’unica grande reception. L’insenatura creata, delimita uno spazio protetto di rappresentanza che introduce alla reception vera e propria. Un’ampia superficie a doppia altezza consentirà di distribuire i due nuclei di risalita indipendenti per Pola 9 e Pola 11.

Spazi flessibili e contemporanei

Un aspetto importante del diverso modo di concepire gli spazi di lavoro odierni, è la valorizzazione degli spazi comuni. Considerati residuali in passato, oggi invece, sempre più ricercati e apprezzati per creare aree di lavoro diversificate.

Recupero delle terrazze, in precedenza occupate dalle vecchie dotazioni impiantistiche, infine alla sistemazione delle aree esterne per avere un maggior rapporto con la città.

Certificazione LEED Gold